I Bot si stanno evolvendo: L’Ad fraud in un mondo guidato dalla privacy

25-10-19 No author
ad fraud

Tutti i siti web oggi utilizzano i cookie, informazioni innocue che vengono salvate sul tuo browser quando visiti un sito. Il browser restituirà quindi il cookie al server alla successiva visita. Questo scambio di cookie è il modo in cui i siti si “ricordano” di te e delle tue preferenze (ad es. accesso, impostazioni della lingua, dimensione del carattere preferita, ecc.), quindi non devi reinserire queste informazioni ogni volta che ritorni sul sito. Questi stessi cookie sono stati ampiamente utilizzati nella pubblicità comportamentale online per anni.

In che modo i bot sull’ad fraud sono stati colpiti dalle modifiche sulla privacy?

Alcuni bot accettano e trattengono i cookie dai diversi siti che visitano. Ad esempio, qualsiasi bot sofisticato progettato per colpire l’ecosistema della pubblicità online può essere ottimizzato per trarre vantaggio dal targeting comportamentale, che richiede loro di accettare i cookie. Altri bot potrebbero accettare i cookie al fine di creare profili credibili simili all’uomo, che li aiutino a non essere rilevati da alcuni dei fornitori di ad verification.

Il Threat Lab di IAS conduce regolarmente esperimenti per comprendere e decifrare qualsiasi nuovo tipo di comportamento dei bot. In uno di questi esperimenti, ai visitatori del sito è stato chiesto di fornire il consenso sui cookie in modo tale che nessun utente umano potesse vedere e selezionare la funzione di consenso sui cookie. Eventuali consensi da parte dei visitatori del sito che otterremo dovrebbero essere attribuiti ai bot. Abbiamo monitorato questi casi quando è stato fornito il consenso e scoperto una fonte fraudolenta di traffico, in cui i bot sono stati progettati per acconsentire automaticamente alle politiche di conservazione dei cookie obbligatorie dal GDPR.

Perché il Machine Learning?

I nostri risultati confermano ancora una volta che i bot di ad fraud si adattano costantemente alle realtà in continua evoluzione dell’ecosistema digitale. Semplicemente l’ottimizzazione delle campagne pubblicitarie basate su metriche comportamentali non può rimuovere abbastanza traffico fraudolento e la pubblicità su siti con cookie-wall, registrazione forzata, configurazioni opt-in o persino pay-wall non garantirà una copertura di successo per un pubblico privo di bot.

Il rilevamento di bot sofisticati non è un compito banale: è quasi impossibile da raggiungere con semplici regole predeterminate se non si adattano rapidamente al panorama in rapida evoluzione delle frodi pubblicitarie. L’unico modo per proteggere con sicurezza le campagne pubblicitarie dalle frodi pubblicitarie è utilizzare una tecnologia di verifica dinamica quanto i truffatori stessi. L’intelligenza artificiale e la tecnologia di apprendimento automatico sono insostituibili nella prevenzione delle frodi pubblicitarie moderne.

Se sei interessato a saperne di più visita la nostra soluzione di Ad fraud.