Case Study: Come risparmiare il 15% della spesa in programmatic.

06-07-20 No author

La pubblicità in programmatic può essere soggetta a minore viewability e maggiormente esposta a frodi pubblicitarie e ai rischi per la sicurezza del brand.

GroupM France ha deciso di affidarsi alle soluzioni in programmatic di IAS, per implementare ed ottimizzare la sua strategia in programmatic su scala globale per le campagne dei suoi principali inserzionisti.

Con i dati granulari e le gli insights forniti da IAS, GroupM France è stata in grado d’identificare le aree delle campagne e dei mercati che presentavano livelli di viewability inferiori alla media, nonché livelli di frode pubblicitaria (ad fraud) e brand safety superiori alla media in tutti i programmatic media partner.
I risultati di questa analisi hanno inoltre spinto GroupM ad attivare segmenti pre-bid di IAS nelle DSP.

GroupM è stato quindi in grado di indirizzare le impression con una maggiore viewability per ogni mercato in cui si è svolta la campagna. Allo stesso tempo, il segmento pre-bid di IAS ha immediatamente iniziato a filtrare il traffico non valido (invalid traffic) e i contenuti che potevano rappresentare un rischio reputazionale prima che il brand potesse fare un’offerta per quell’inventory; ciò ha portato ad un conseguente calo immediato della frode pubblicitaria e dei livelli di rischio della brand safety.

Di conseguenza:
– il 15% della spesa per la campagna è stata riallocata in impression che hanno guidato i risultati di business.

-La viewability è aumentata di 9,8 punti percentuali a livello globale

-L’invalid traffic e il rischio per la brand safety si sono ridotto rispettivamente allo 0,56% e allo 0,2%.

Scarica il case study e scopri come GroupM ha collaborato con Integral Ad Science, per ottenere risultati ottimali nella campagne in programmatic.

SCARICA IL CASE STUDY